Non ricordi la password? Recupera »

NEWS

« Visualizza tutte le News
9/12/2011
Opposizione ingiunzione - termini iscrizione a ruolo

Opposizioni a decreto ingiuntivo, stop al dimezzamento dei termini

La Camera ha approvato  in via definitiva e all’unanimità la nuova legge che ridefinisce i termini per le opposizioni a decreto ingiuntivo mettendo così fine a più di un anno di incertezze. Tutto era partito dalle Sezioni unite della Cassazione che con la sentenza n. 19246/2010 avevano stabilito il dimezzamento automatico dei termini sia per l’opponente che per l’opposto per il solo fatto che l’opposizione fosse stata presentata. Senza più ricondurla, dunque, al caso in cui all'opposto fosse stato assegnato un termine a comparire inferiore a quello ordinario. Con la modifica votata oggi il Parlamento risolve il problema alla radice prevedendo che al secondo comma dell’articolo 645 del codice di procedura civile, le parole: « ma i termini di comparizione sono ridotti a metà» sono soppresse.
Procedimenti pendenti
Regolamentati anche i procedimenti pendenti, per i quali si prevede che l’articolo 165, primo comma, del codice di procedura civile si interpreta nel senso che, nel caso di opposizione a decreto ingiuntivo, la riduzione del termine di costituzione dell’attore si applica solo se l’opponente abbia assegnato all’opposto un termine di comparizione inferiore a quello di cui all’articolo 163-bis, primo comma, del medesimo codice. Riportando così anche questa ipotesi ad una fase antecedente la sentenza della Cassazione.

 

 


Scarica documenti Camera dei Deputati


Numero: 102202A